Una lettura sul lungo periodo come quella imposta dalla scansione stessa di Medioevo è un esercizio quanto mai utile a cogliere i caratteri originali e gli snodi del filo rosso tra passato e presente che si rivela per molti tratti ancora ben leggibile in quella pluralità de I paesaggi dell’Italia medievale raccontati oggi dallo storico Riccardo Rao in una sintesi che mancava. Dove convergono studi settoriali e diversi approcci disciplinari, dall’Ecologia storica alla Nuova geografia culturale, all’indagine archeologica, contemperando suggestioni e metodologie e attualizzando gli esiti interpretativi del più recente dibattito storiografico (Carocci editore, pp. 274, € 22). I paesaggi dell'Italia medievale  di Riccardo RaoE dove poi come chiave di lettura sottesa all’analisi dei paesaggi della penisola se ne identifica – certo con le differenti modalità che ne caratterizzano gli sviluppi al Centro Nord e nel Sud – la matrice “collettiva”, agita specialmente su base “locale”. Da collocarsi sotto il segno di un incessante dinamismo e di una fluidità che continuamente riconfigurano ruoli, contorni e fasi della dialettica tra modelli insediativi, con la forte compenetrazione di spazi coltivati e costruiti; dinamiche di utilizzo delle risorse; protagonismi dei soggetti sociali, urbani e rurali, nel loro declinarsi sia in termini di rapporti di forza, che di ragioni e rappresentazioni mentali.
Paesaggi della paura, del legno e del bosco, quelli che con la crisi delle strutture di inquadramento romane e il declino degli abitati sparsi vedono il graduale definirsi su base locale di nuovi elementi di coordinamento del territorio: castelli e specialmente villaggi (spesso in altura o in prossimità dei fiumi per compensare la crisi dei sistemi stradali, spesso in divenire serrato di conferme e abbandoni). Elementi in reciproca dialettica attrazione (e senza dimenticare la presenza delle reti delle parrocchie) che, accentuando la dimensione accentrata delle comunità, favoriscono anche prime forme di condivisione collettiva di risorse: che siano riserve di incolti dei fluidi paesaggi fluviali, o quel bosco sempre più “abitato” nel suo articolarsi di selva fruttifera, pascolo, ceduo, che, con il rilievo economico delle attività silvo-pastorali, va assumendo un’inedita dimensione positiva anche nell’immaginario (basti pensare al ruolo degli alberi nella definizione dei confini e nelle mappe mentali, che presuppone una cultura botanica diffusa).

Specialmente nelle età della crescita, tra condivisione di boschi allevati e risorse in forme d’uso comune, vieppiù regolate e organizzate, e incedere di nuovi dissodamenti (non ultimi i paesaggi monastici che, pur fuor di cliché, riferiscono del ruolo di quei grandi innovatori nella gestione pianificata dei patrimoni) e ancora in relazione stretta con lo svilupparsi dell’allevamento, con il ri-dislocarsi di colture specialistiche come la vite e l’olivo, con le fasi di avanzata e arretramento del castagno (con la sua valenza di indicatore della crescita e di diversificazione alimentare di resistenza), svetta sempre sullo sfondo il ruolo delle città comunali, nella loro dimensione segnatamente collettiva – quantomeno a livello di autorappresentazione –, nel succedersi delle loro fasi, fin poi verso gli esiti delle signorie territoriali.

Così i diversi paesaggi urbani, variamente di torri, chiese, mercati, palazzi pubblici e poi residenze signorili, porte che affacciano sul territorio; così, il loro proiettarsi sulle campagne modellandole in un “laboratorio di forme paesaggistiche” pronte a diffondersi sui territori più lontani, in un rapporto osmotico che tende poi però a scardinare equilibri di consolidati sistemi territoriali locali; fino a municipalizzare e a privatizzare i beni comuni, fino a farne beni dell’esclusione, riservandoli soltanto ad alcuni membri.

La crisi degli insediamenti accentrati, in particolare del villaggio, nonché il moltiplicarsi degli abitati sparsi, leggibili ancora oggi nel pulviscolo di borghi e frazioni e nella presenza di edifici isolati nei campi, sono – al passo con il ripiegamento dell’economia di fine 200 che anticipa il crollo demografico della peste nera e poi con la nuova espansione a metà 400 – tra gli elementi che più fortemente segneranno l’impronta del paesaggio che a conclusione del Medioevo porterà ancora gli uomini a risiedere in prossimità dei campi che lavorano.

Assieme alla rete di cappelle campestri (punti di riferimento non solo ideali, come prima lo erano gli elementi naturali) e ai castelli dei paesaggi della guerra, tesi però sempre più verso funzioni residenziali e di prestigio, l’abitato sparso nelle forme di cascine, poderi, masserie è il precipitato di una nuova geografia sociale e di un’economia dove gli interessi della grande proprietà, sostenendo logiche produttive funzionali alla commercializzazione dei prodotti, determinano sempre più spesso nel corso del 300-400 una serie di paesaggi della specializzazione, dalla praticoltura alla viticoltura, mentre gli interventi a vantaggio delle prerogative demaniali operati dai poteri principeschi (nelle diverse declinazioni locali qui in una sorta di riallineamento nord-sud) si riverberano anche sul paesaggio indebolendo ulteriormente le strutture comunitarie di gestione collettiva del territorio.

Nel complesso, allentando le maglie di quella dimensione collettiva e locale delle tante tipologie di interazione uomo-ambiente indagate con le lenti della storia sociale in quel lunghissimo, stratificato e dinamico Medioevo dove, tra continuità e accelerazioni, e ancora in un generale equilibrio di uomini e risorse, si fondano molte delle caratteristiche del nostro attuale paesaggio.

Riccardo Rao, I paesaggi dell’Italia medievale, Carocci editore, pp. 274, € 22, recensito da Andrea Di Salvo su Alias della Domenica VI, 12, Supplemento de Il Manifesto del 20 marzo 2016


Commenti



Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio)

Sito web

Speak your mind

Codice di sicurezza: