La serie di ‘ritratti’ su tela in lunetta delle ville medicee – e, indissolubilmente, dei loro giardini –, che il granduca Ferdinando I commissiona nel 1599 per decorare la villa di Artimino, si colloca saldamente a cavaliere tra intervento celebrativo e corografica intenzione documentaria.
Ciascuna veduta restituisce a colpo d’occhio, secondo una prospettiva a volo d’uccello ma con credibilità topografica, la fisionomia delle diverse proprietà di famiglia – quelle più rappresentative del prestigio dinastico e della presa sul territorio – e tutte assieme incorniciano la politica ferdinandea di riordinamento e governo di luoghi e attività, dalla disseminazione di monumenti pubblici al sostegno ai santuari mariani riformati, dalle opere di bonifica al sostegno dell’indagine scientifica e delle accademie, dal collezionismo alle arti applicate.
L'immagine dei giardini e delle ville medicee nelle lunette attribuite a Giusto Utens_Vìride_Andrea_Di_SAlvoLa vicenda delle lunette, destinate a decorare la sala maggiore della villa, detta anche La Ferdinanda, e solitamente attribuite al pittore fiammingo Giusto Utens, viene ora indagata nella sua genesi e evoluzione – con le battute d’arresto, le diverse riprese, la dispersione, le perdite, fino alla ricollocazione, dopo il restauro, nell’altra villa medicea, La Petraia (Villa Artimino è ora privata) – da una pubblicazione a cura di Cristina Acidini e Alessandra Griffo che mette l’accento su L’immagine dei giardini e delle ville medicee. Nelle lunette attribuite a Giusto Utens, Edizioni Polistampa pp. 168, € 30.00. Con un ricco apparato di tavole d’insieme e di dettaglio e un regesto documentario con materiali inediti e indicazioni puntuali sugli interventi di restauro.
Lo stretto rapporto con il territorio e in particolare con il paesaggio agrario che caratterizza il sistema delle ville medicee si riverbera nei loro giardini in gradazioni diverse. Specialmente avvertito in quelli più antichi, di Trebbio e Cafaggiolo, dove si conservano origini utilitarie e esigenze produttive, negli elementi di ordine e regolarità e nel complessivo tessuto di relazioni tra le parti, mutuati dall’esperienza di governo dello spazio agrario fino a assumere valenza ornamentale. Mentre nelle ville più tarde prevale l’intenzione celebrativa e la dimensione dello svago. Finché non sarà il giardino a mediare tra architettura e paesaggio, tra loggiato e panorama, come a Fiesole e a Poggio a Caiano, o intervenendo a ben diversa scala sulla natura stessa, come a Castello e al Belveder con Pitti, tra funzione allegorico celebrativa e ragnaie di caccia, o nel sistema delle acque dello stravagante Pratolino, rifugio per Francesco I a opera del Buontalenti.
Per quanto nelle differenze e stratificazioni, il complesso delle lunette si presenta con un suo forte carattere unitario, come una serie che, oltre la complessiva impaginazione di cartigli e cornici nere e oro, sintetizza abilità paesaggistica e approccio scientifico al sapere cartografico, discostandosi dai precedenti apparati figurativi dei possedimenti farnesiani e dalle allegorie territoriali della tradizione del vedutismo fiorentino e mediceo.
Strumento di celebrazione, senza tutto voler piegare alle intenzioni e ai significati simbolici e politici della committenza, la serie restituisce, pur nella correzione di molte realtà con elementi di simmetria, una sua veridicità nella corrispondenza tra fonti coeve e dettagli rappresentati dalle vedute corografiche. In particolare, su alcune tematiche di storia del giardino, dal più ampio ventaglio della vegetazione arborea a foglia caduca, alle strutture vegetali destinate alla caccia, dalle scene di gioco ai giardini di fiori, fino al protagonismo (almeno in alcune lunette) del paesaggio e del sistema delle coltivazioni agrarie.

L’immagine dei giardini e delle ville medicee. Nelle lunette attribuite a Giusto Utens, a cura di Cristina Acidini e Alessandra Griffo, Edizioni Polistampa pp. 168, € 30.00, recensito da Andrea Di Salvo su Alias della Domenica VII, 21, Supplemento de Il Manifesto del 20 maggio 2017


Commenti



Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio)

Sito web

Speak your mind

Codice di sicurezza: